Pure il biografo…

Pure il biografo di John Fitzgerald Kennedy, James W. Douglass – ha espressamente parlato di materia ‘unspeakable’, non ‘parlabile’ a proposito del tuttora irrisolto enigma dell’assassinio di Kennedy: ad un certo ‘punto’, ad un tale nodo gordiano, ove il ‘terribile è già accaduto’ è come se l’intiero Logos accumulato in secoli di civitas occidentale si frantumi all’improvviso, cada in pezzi, come sommerso dalla lava infernale del nihilismo dirompente e tutto si ‘arresti’ in un cataclisma tellurico, regressivo sino alla bestialità ferina: non è forse questo il goal ultimativo del Terrorismo Sintetico? David Talbot, The Devil’s Chessboard. Allen Dulles, the CIA, and the Rise of America’s Secret Government, William Collins, USA 2015, p. 8.

41-eS2PP3KL

Enrico Rava

Se avesse sollevato dalla sinistra del Cumano, il tavolino nero di Zanotta  ̶  mi domandavo che razza di strambo bar era quello che usava roba di Zanotta en plein air  ̶ una tromba o addirittura un flicorno, ammesso che la sua goffa, stazzonata, borsa di cuoio avesse potuto contener quello strumento, non mi sarei di certo meravigliato. Il Personaggio che avevo di fronte era il sosia quasi identico all’ottuagenario Enrico Rava che avevo sentito live il novembre scorso a Roma, assieme al sassofonista Joe Lovano, al Parco della Musica. Stessi capelli lunghi biancastri, stessa incarnato ceruleo, stessi baffi bianconeri, stesso naso prominente. Mentre ero attonito in questa suggestione notai che era apparso sul pianale del tavolo un volumetto dalla copertina sgualcita, sbrandellata ed il falso Rava mentre mi stava parlando di Disney stava spingendo lentamente ma percettibilmente il libro verso di me. Era capovolto. Non potevo intravedere null’altro che la quarta di copertina: ʺLo legga, non può non averlo letto!ʺ  ̶  mi disse cambiando improvvisamente tema del discorso che era una suo tipico vezzo  ̶  ʺpoi le spiegherò chi sono davvero quei figuri visto che tutti i nomi sono in codiceʺ. Replicai dicendo, anche un po’ piccato, che non amavo quasi per nulla la narrativa, ma non servì a nulla. Lui insisteva che avrei dovuto leggere Ravelstein.

Così feci.

31Cf40trmpL

Tracce…

AA.VV., Polemical Encounters. Esoteric Discourse and Its Others, a cura di Olaf Hammer e Kocku von Stuckrad, Brill, Leiden, London 2007

 

AA.VV., Commissione Parlamentare di inchiesta sul fenomeno delle mafie e sulle altre associazioni criminali, anche straniere, disponibile in rete, 2017

 

Adorno, Theodor Wiesengrund, Teoria estetica, Einaudi, Torino 1975

 

-, Introduzione alla sociologia della musica, Einaudi, Torino 1971

 

Alvi, Geminello, Le seduzioni economiche di Faust, Adelphi, Milano 1989

 

Annunziata, Lucia, Bassa intensità, Feltrinelli, Milano 1990

 

Arbasino, Alberto, America amara, Adelphi, Milano 2011

 

-, Lettere da Londra, Adelphi, Milano 1997

accetto

Continua a leggere

PATER FAMILIAS Deus Ex-Machina della Dissoluzione Coeva? Part #3

SOSTITUIRE IL LEMMA ‘MATER FAMILIAS’ CON ‘MATER FAMILIAS’ ALIAS ‘LILITH’

.Ulrike Meinhof.

.Ursula von der Leyden

.Monica Cirinnà

.Rosy Bindi

.Emma Bonino

.Madonna

.Angela Merkel

.Avril Haines

.Melinda Gates

.Christine Lagarde

.Gina Haspel

.Angelina Jolie

.Asia Argento

.Barbara Costa

.Selvaggia Lucarelli

.Barbara Carfagna

.Madeleine Albright

.Condoleezza Rice

.Barbara d’Urso

.Maria de Filippi

.DEVO CONTINUARE?

OO

Balthus & Klossowski ovverossia ‘À l’ombre des jeunes filles en fleurs’… Una Chiosa al Miscredente delle Elite TecnoFinanziarie Iniziatiche…

Di nuovo Klossowski ci ‘soccorre’ (sic!) chiosando in maniera limpidissima, fuori dai denti dalle pastoie nebulizzanti di certi filosofemi da Incantesimo proditorio: nel suo Nietzsche e il circolo vizioso ad un certo punto, precisamente alle pagine 193 e 194, ci rivela quanto si stava compiendo in atto in seno alle Oligarchie Apocalittiche Iniziatiche: “Alcuni dei progetti di ‘addestramento e selezione’ alludono alla fisionomia dei futuri Signori della Terra senza stabilire espliciti rapporti con la dottrina del Circolo Vizioso. Questi frammenti mettono in rilievo le disposizioni essenziali allo sperimentatore quali si sono dichiarate nelle nature forti – i criminali di gran classe […] la totale mancanza di scrupoli nel volere un dato per raggiungere un dato scopo […] il filosofo […] di cui Nietzsche disegna i tratti, non trascurerà di soffermarsi sull’aspetto mostruoso di questi personaggi: in che cosa consistano tali esperimenti non è detto; né il fatto che si risolvano in sacrifici e sperpero di vite umane […] spiega il modo in cui vengono compiuti […] prova morale del Circolo Vizioso […] uno scopo […] che non esiti a sacrificare vite umane”, vedi Adelphi, Milano 1981: si poteva dar miglior e più puntuale ritratto istantaneo della saldatura già avvenuta tra le accolite criminali ed il pensiero delle Oligarchie Iniziatiche? Si poteva spiegar meglio le ragioni che muovono lo scatenarsi globalista del Terrorismo Sintetico?

Cattucccccccccccccccra

PATER FAMILIAS Deus Ex-Machina della Dissoluzione Coeva? Part #2

DANILO FABBRONI

Sostituire dal titolo il lemma PATER FAMILIAS con MATER FAMILIAS alias “LILITH”

CatturaLLLLLLLLLLLLLLLLL

.Rosy Bindi

.Emma Bonino

.Madonna

.Angela Merkel

.Avril Haines

.Melinda Gates

.Christine Lagarde

.Gina Haspel

.Angelina Jolie

.Asia Argento

.Barbara Costa

.Selvaggia Lucarelli

.Barbara Carfagna

.Madeleine Albright

.Condoleezza Rice

.Barbara d’Urso

.Maria de Filippi

.DEVO CONTINUARE?

View original post

L’incipit già è da torcibudella…

In tema di assoluta ridicolaggine resta forse insuperabile un box a firma di Chiara Daina, scorto ne “Il Fatto Quotidiano”, 10 aprile 2017, p. 18, che già dal titolo – Come nasce un complottista – ci porta dritto dritto verso ‘Oggi le comiche’. L’incipit già è da torcibudella dal ridere: sostiene che un buon rapporto coll’autorità è sillogismo di posizione fideistica nella scienza, il che è risibile visto che tale affermazione ignora del tutto che oggi come oggi il ‘vietato vietare’ è davvero l’etica al potere, totalitaria, quindi un buon rapporto con l’autorità semplicemente non sussiste. Di più, come se non bastasse la suddetta perla, si addita come causa scatenante di una ‘mentalità complottista’, definizione capziosa tanto quanto quella dei critici musicali che ingabbiano un certo autore, a forza, in questo o quell’altro filone musicale…, l’eventuale tradimento subito nell’infanzia da persone di cui ci si poteva fidare.

61mHsjLmibL

Continua a leggere

ASSURDO EPIMETEO

Ecco il caso di Scalfari – assurdo epimeteo – il quale dopo aver battuto pesantemente la grancassa per dozzine e dozzine di anni pregna di miasmi pseudo democratici – veri miasmi non perché fossero ‘democratici’ ma perché Lor Signori, homines intelligentiae, sapevano che erano solo ‘pseudo’ e per nulla ‘democratici’ – compare con un aperto elogio delle oligarchie. Cfr. Gustavo Zagrebelsky, Referendum, tempo di oligarchie e di chiarimenti: Zagrebelsky risponde a Scalfari, “La Stampa”, online, 12 ottobre 2016, riportato in www.dagospia.com. Del resto oramai il re è nudo nella sua intierezza: anche il verace fomite del sinistrismo, Luciano Violante, ha dovuto riconoscere – ma suona solo come una beffa dopo aver dispensato il ‘Verbo rosso’ per una vita – che «[…] le élite liberali sono più attente ai rapporti internazionali che alla gente di strada» e che «[…] le forze di sinistra […] si sono trovate piuttosto a fianco delle élite che a fianco del popolo», Luciano Violante, Le forze di sinistra, forse ritenendo di rappresentare in ogni caso gli interessi del popolo più e meglio di altri, come per concessione divina, hanno smesso di occuparsene,”Corriere della Sera”, online, 11 ottobre 2016, riportato da http://www.dagospia.com.

roberto-peci-1253369_tn