ADDENDA SAMESEX

Addenda. Il seguito immane che Nietzsche ebbe nei secoli a venire, questo poetastro saltimbanco da strapazzo, confezionatore di slogan da cartigli dei Baci Perugina, non è dato sapere se risiede più nel fatto che il suo peregrinare nei vespasiani torinesi dell’epoca in cerca di marchette samesex, un George Michael ante litteram, sia stato fatto oggetto di cult ad hominem, oppure nel fatto che il suo precipuo distruttivismo necrofiliaco sia stato l’antesignano cultuale – oggetto di culto tout court – della furia nazista di allora quanto del suo sdoganamento recente dall’area destrorsa per posizionarlo nella no man’s land, dell’Opera al Nero dei nostrani adelphoi della Chiesa meneghina di San Satiro. Un culto di reliquie mortuarie: nulla più. [Nil posse creari de nihilo]. Neppure il cane di Nietzsche potrebbe esser oggetto di cibarie – poniamo che sia oggetto di mire culinarie nell’Impero di Mezzo – tanto è avariato, avvelenato, inacidito, tutto quanto ha subito la sua influenza. Che i morti seppelliscano i loro morti.

Nil posse creari de nihilo.

COVER

Continua a leggere

Lo Scorfano Teutonico ovvero Il Nihilismo spiegato ai bambini

L’ascesa trionfante quanto tronfia del Capitale Sovrano – null’altro che le Oligarchie di cui sopra – verso il suo massimo empireo coevo è il risultato di quelle convergenze parallele che si originarono a partire dalla Nascita della Tragedia: il sorgere del Nichilismo Occidentale. Massimo indiziato, lo scorfano teutonico, il luetico per antonomasia – il bieco Nietzsche, il forsennato sodomita: culturista colle mutandine di pizzo da donna, inoculando il tallio, il veleno mortifero, in seno alla Filosofia Occidentale, ha decostruito secoli e secoli di Tradizione Occidentale alla stessa stregua che l’esplosivo alla termite ha posto base alla demolizione controllata delle Twin Towers: il nihilismo ha sintetizzato il suo monumento più alto nel momentum dell’annichilimento delle Torri Gemelle. La Volontà di Potenza Globalista evocata negromanticamente in quel frangente ha prodotto il suo masterpiece, la sua pietra angolare: il Nulla della Polvere residua in quelle finis terrae della Catastrofe del Pensiero Occidentale autovotatosi all’eutanasia; questo è il Nihilismo spiegato ai bambini.

mel-gibson-6-1

Il Beccamorto Martin Heidegger & La Sua Loggia nonché i suoi aficionados…

Sintesi estrema ed allo stesso tempo quintessenza sapienziale del Nichilismo Estremo Occidentale, lo abbiamo già esposto altrove ma solo succintamente e qui lo vogliamo ribadire ancora di più, è l’idioletto – il gergo dell’autenticità – del gangsterismo, del Malaffare. L’erede contemporaneo del beccamorto Heidegger, anzi, accelerato al cubo, è il capocosca, il tenutario del racket, ignorante, semianalfabeta, il quale verga il suo essere ed il suo tempo con i pizzini, con le frasi smozzicate delle ‘ndrine calabresi. L’oscurantismo oracolare di Heidegger ovvero le trappole filosofiche pari a quelle con cui si impalano i pecari nella foresta vergine…

nessunousciravivodaqui-500x500

 

#Deep Throat #Gola Profonda #Porno di Carta

Da notare che la connessione mondo della pornografia/ambiente terroristico e criminalità ha avuto esempi pure in suolo italico…: se ne dubitate riservate un minuto di ‘studio’ a questo significativo accenno di ‘uno informato dei fatti’ come Roberto Calasso: «[…] il terrorismo islamico coincide con la diffusione della pornografia in rete […]», nel suo L’innominabile attuale, Adelphi, Milano 2017, p. 15. Un ulteriore nesso tra universo pornologico, globalità terroristica, mondo dei Servizi, ce lo consegna un insospettabile quanto inaspettato dossier firmato da un pornografo, come si autodefinisce lui stesso: Gianni Passavini autore di Porno di carta, per i tipi di Iacobelli editore, luogo di edizione non specificato, 2016. È tutto uno sciorinare di intrecci tra esponenti di questi ‘pianeti’ tanto che a pagina 267 giustamente l’autore ricorda che il film di un successo colossale, Gola profonda, fu finanziato dalla famiglia mafiosa dei Colombo.

Manifesto-del-Movimento-di-Liberazione-della-donna-foto-di-Agnese-De-Donato-alta-830x1200

La Grand Route: ‘Il Risveglio dei Faraoni’

Per coloro che eventualmente sobbalzassero alle nostre ripetute citazioni del termine ‘iniziatico’ dispiegato a proposito di ambiti a tutta apparenza di stretta derivazione laica, tardo-illuminista, consigliamo vivamente l’accurato e profondo studio di un documento reperibile in rete a firma di Silvia De Laude intitolato Fly Translove Airways. Petrolio e Il risveglio dei Faraoni di Mario Mieli in cui appaiono in tutta evidenza le plurime interconnessioni tra ‘avanguardia rivoluzionaria sinistrorsa’, ambienti iniziatici ed esoteristi, massoneria inclusa, la ‘grand route’, come viene definita in questo milieu, tendente al soggetto transumano androgino come, testuali parole, a pagina 64, «[…] chiave di accesso a un livello ulteriore e definitivo di realtà […]». Rileviamo da parte nostra in quest’ultimo lacerto la piena consonanza di questa tematica con l’opera in nuce di Calasso, tant’è vero che l’autrice gli rende omaggio in chiusura del suo testo, ibidem.

91ynjybViVL

#Gli Opposti Estremismi #La Via della Mano Destra #Julius Evola & #La Via della Mano Sinistra #George Bataille…

[Riceviamo e pubblichiamo]:

Luigi Zuccaro Metapolitica e surrealismo: Bataille ed Evola,  convergenze parallele e virtualità del pensiero

 

Introduzione

 

Nella fase storica precedente alla Grande Guerra un vivaio di intellettuali di tutta Europa, seguiva il vento che proveniva dalla Francia. Patria del razionalismo e dei lumi della laicità, la Francia, dava i natali ad una nuova tendenza: il surrealismo. Distaccatosi da una costola di questo movimento, si originò un nuovo gruppo guidato da una “religiosità feroce”, il cui protagonista fu Georges Bataille. In Italia, l’intellettuale proibito, Julius Evola, pittore, esoterista, dadaista vicino a queste compagini, pervenutovi attraverso gli eccessi del futurismo scelse una politica altrettanto feroce, quella della Rivoluzione Conservatrice contrassegnata dalla vicinanza al fascismo.

1024px-Frontispice_du_Mystère_des_cathédrales

 

Continua a leggere

Raoul Vanegeim ou Le Traité des trois imposteurs… (fossero solo tre…)

A proposito del misterioso Traité des trois imposteurs una disamina vasta ed accurata la si trova nel pregevole volume di Margaret C. Jacob, L’illuminismo radicale. Panteisti, massoni e repubblicani, Il Mulino, Bologna 1981, a partire da pagina 15 a seguire. L’autrice, storica senza dubbio preparatissima nella sua materia, insegna alla City University di New York e nonostante il consueto approccio apparentemente asettico tipico dei rappresentanti dell’Accademia è un’apologeta della Massoneria. Comico il suo asserire che da una parte le logge massoniche ebbero un ruolo di primo piano nella rivoluzione illuminista mentre dall’altra ella nega e taccia di ingenuità chi lo pensi, ogni accusa di cospirazione da parte di tali logge nello scatenamento dell’Illuminismo, tipico caso da manuale di excusatio non petita! Cfr. a pagina 132.

61D5NFKDMHL

Continua a leggere

Che altro non sono…

Che altro non sono – d’altra parte – i Servizi (deviati o non deviati non ha importanza…) se non Apparati della Persuasione, coattiva o meno, i quali raggiungono i loro scopi quando la loro teleonomia viene assunta in pratica nonché sussunta in teoria? Come tali o ‘persuadono’ e dunque sono oppure non persuadono e dunque ‘non sono’: sono ineffettivi. Dal momento che loro in primis si persuadono che una ‘certa realtà’ è ‘così e cosà’ (spionaggio d’informazione in senso lato) e dal momento che persuadono altri di un certo ‘scenario’, vera e propria ‘creazione dell’immaginario’ altrui (controinformazione), essi sono gli attori ‘primi’ di una realtà ‘altra’ che costituisce la prova inconfutabile che una chiosa alternativa – non troviamo termine migliore per inquadrarla – allo ‘stato delle cose’ dato dalla noosfera mainstream, del solito Politicamente Corretto ubiquo, non solo è possibile ma è auspicabile che divenga concreta, nuova, indispensabile Doxa controcorrente.

61nasf2noEL

“Satana penetrò in lui”

«Le parole “Satana penetrò in lui” sono tra le più terrificanti nei quattro vangeli», così riporta, a pagina 95, John G. Bennett, insigne scienziato, filosofo, matematico e linguista, a capo del Sevizio Segreto Militare inglese in Turchia nel 1920 nel suo I maestri di saggezza, edizioni Mediterranee, Roma 1989: rende l’idea di quanto immane sia il tema del Tradimento e della Menzogna ancor oggi ed invero sempre di più di ieri?

nessunousciravivodaqui-500x500